Taking too long? Close loading screen.
< Tutte le schede missioni

ALLIED HARMONY

Assistenza al governo macedone nel miglioramento della sicurezza nazionale

Peacekeeping

Nel dicembre 2002, in risposta alla richiesta del Presidente Trajkovski, il Consiglio Atlantico decise di continuare a supportare la Macedonia con un’ulteriore missione di monitoraggio e supporto agli osservatori internazionali, utili per il rafforzamento della Ex Repubblica jugoslava di Macedonia. L’operazione denominata “Allied Harmony” iniziò il 16 Dicembre 2002.

Grazie alla crescente sicurezza nel paese, non era più necessaria una forza speciale ed il comando esecutivo della nuova missione passò al quartier generale NATO di Skopje. I soldati furono ridotti a 450. La missione comprendeva funzioni consultive ed operative con altre attività di supporto. La parte operativa consisteva in operazioni di monitoraggio e collegamento focalizzate nelle precedenti aree di crisi per mantenere il contatto con autorità, forze, leader locali, popolazione e organizzazioni di Intelligence. Tutto ciò dimostrava la presenza continua della NATO ed il suo impegno per facilitare il processo di riconciliazione atto a promuovere la stabilità regionale ed a scoraggiare la ripresa delle ostilità di natura etnica.

La parte consultiva della missione consisteva invece nel fornire consulenza militare alle autorità del paese, difendere la riforma nel settore della sicurezza, fornire consulenza militare e scambio di informazioni con la COMKFOR (Comandante della Kosovo Force) e la SMR albanese (Senior Military Representative) sulla sicurezza dei confini, sull’interdizione del contrabbando ed in altre materie. Inoltre, quando necessario, veniva costantemente fornita consulenza militare alla nazione ospitante per aiutare a coordinare e sfruttare le risorse offerte della NATO, oltre alla consulenza militare sulle esigenze organizzative e di addestramento.

L’operazione “Allied Harmony” terminò il 31 marzo 2003, quando la parte operativa-tattica passò nelle mani dell’EUFOR, con la NATO che conservava il suo ruolo consultivo nel Paese.

Durata Missione:

16/12/02 – 31/03/03

Luogo:

Macedonia

Tipologia:

Peacekeeping

Base legale:

Approvazione del Consiglio Atlantico

Paesi partecipanti:

Francia, Germania, Gran Bretagna, Grecia, Italia, Olanda, Spagna e Turchia

Forze impiegate:

450 soldati

Altre missioni:

Operazione Concordia (UE)