Taking too long? Close loading screen.
< Tutte le schede missioni

ANATOLIAN PROTECTOR – ACTIVE FENCE

Rafforzamento della difesa aerea turca

Deterrenza Difesa

Le ostilità in Siria avevano causato un elevato numero di vittime e diversi incidenti anche oltre il confine turco.

In data 21 novembre 2012 la Turchia ha avanzato la richiesta di supporto alla NATO, a seguito dell’utilizzo di missili balistici di origini sovietica, di tipo SCUD, da parte del governo di Assad. La nota imprecisione della balistica di tali armamenti preoccupava il governo turco, che già aveva subito perdite militari e civili entro i propri confini, a causa del conflitto siriano. L’Alleanza Atlantica ha accolto la richiesta il 4 dicembre 2012 ed ha autorizzato lo schieramento di alcune batterie di missili Patriot nella parte occidentale della provincia dell’Anatolia sud-orientale, lungo il confine con la Siria. Non è la prima volta che la NATO ha fornito un tale sostegno alla Turchia. Simili batterie di missili Patriot è furono già schierate nel paese sia nel 1991 che nel 2003. Le operazioni sono state assegnate al controllo del Supreme Allied Commander Europe (SACEUR). Hanno provveduto unità provenienti da Olanda, Stati Uniti e Germania, le cui forze armate ed artiglieria hanno supportato la cosiddetta operazione “Anatolian Protector”. L’anno successivo, in conseguenza all’escalation della violenza su territorio siriano, il mandato della missione è stato esteso ed ha assunto il nome di operazione “Active Fence”. In questa occasione hanno stanziato i propri missili anche Spagna e Italia, rimpiazzando quelli olandesi. Tale missione ha uno scopo puramente difensivo, nonostante le critiche di Russia, Siria ed Iran che hanno giudicato l’operazione come un primo passo di un presunto intervento della NATO nel conflitto siriano.

Durata Missione:

01/01/13 - in corso

Luogo:

Turchia

Tipologia:

Deterrenza, Difesa

Base Legale:

Richiesta governo turco e decisione dei ministri degli esteri della NATO

Paesi partecipanti:

Olanda, USA, Germania, Italia, Spagna

Forze impiegate:

Missili Patriot, personale militare ed artiglieria di supporto